Resina, di Ane Riel

Disagio e pattume nella linda Danimarca. Voto 7,5/10 La famiglia di un accumulatore compulsivo che vive lontano da tutti dopo una serie di sfighe. Un po' triste e un po' thriller, definito un noir o una fiaba dark, forse abbastanza lento se proprio vogliamo trovargli un difetto: in effetti la trama non ha grandi colpi... Continue Reading →

Annunci

Umami, di Laia Jufresa

Gustoso. Voto 8/10 Gli abitanti di un condominio e le loro storie che si intrecciano nel giro di 5 anni attraverso il punto di vista di 5 personaggi chiave: l'artista complicata, la bambina sfortunata, il vedovo pratico, la ragazzina intraprendente e la sua migliore amica, più i vari personaggi di contorno ma ben delineati. Un... Continue Reading →

Fuoco al cielo, di Viola Di Grado

Atmosfera malsana. Voto 8,5/10 Un'ambientazione diversa dal solito, ovvero una delle quasi sconosciute città chiuse sovietiche contaminate dalle radiazioni, per una storia cupa e pesante come il contesto in cui si svolge. Riferimenti storici e dramma di coppia tra paranoia e tristezza, nel finale la trama accelera tendendo al grottesco: peccato che i (pochi) dialoghi... Continue Reading →

Vinpeel degli orizzonti, di Peppe Millanta

Incantevole e surreale eppure brillante. Voto 9/10 Vagamente poetico senza essere noioso, suggestivo pur rimanendo scorrevole: non è facile mantenere una trama fluida con un tono così trasognato e senza diventare stucchevole, eppure ci riesce egregiamente. Sulla trama non sveliamo nulla, ma se vi piace l'atmosfera alla Train de vie ve ne innamorerete sicuramente. Sito... Continue Reading →

Il signore di buona famiglia, di Giuseppe Novello

Ancora attualissimo a quasi un secolo di distanza. Voto 10/10 Raffinata presa in giro della buona società, è una raccolta di vignette che, con umorismo sempre garbato ma feroce, ironizzano sugli usi e costumi della borghesia italiana dei primi del Novecento. Pubblicato nel 1934 e in seguito ristampato in varie edizioni, Il signore di buona... Continue Reading →

Matrigna, di Teresa Ciabatti

Angosce filiali e cronaca nera. Voto 6/10 Una tragedia familiare e una madre manipolatrice segnano una donna complessata: poi la storia assume anche un tono di mistero fino alla conclusione davvero deludente. Peccato perché all'inizio prometteva pure bene. La ragazzina ombrosa dal carattere difficile, il rapimento, il genitore pesantissimo, i continui riferimenti alla cronaca nera: c'è molto... Continue Reading →

Dove troverete un altro padre come il mio, di Rossana Campo

Come si può voler bene a una persona molto complicata. Voto 8,5/10 La vera storia di Renato Campo, padre della scrittora Rossana, in un romanzo (auto)biografico che tocca temi anche pesanti come l'alcolismo e la violenza domestica. Sempre nello stile verace della Campo, qui in versione un po' più seriosa: e il risultato è molto bello.... Continue Reading →

Repubblica luminosa, di Andrés Barba

Magnetico e inquietante. Voto 10/10 Una tranquilla cittadina viene turbata da una banda di bambini selvatici che non si sa da dove siano venuti. Vagamente disturbante e originalissimo, è un incubo incantevole. Paragonato a García Márquez per un certo realismo magico, conturbante come Saramago e con una narrazione a tratti collettiva che ricorda le Vergini... Continue Reading →

Il Libro Cuore (forse), di Federico Maria Sardelli

Si ride di Cuore. Voto 10/10 Cattivissimo e arguto, di un umorismo molto più raffinato di quanto possa sembrare a primo impatto e nemmeno (troppo) volgare, è ovviamente una parodia del romanzo di De Amicis: il crudele maestro classista e i compagni di scuola infami raccontati con impeccabile stile fine '800 fanno davvero sghignazzare dalle risate.... Continue Reading →

Il figlio delle rane, di Giulio Beranek e Marco Pellegrino

Giostre e dolori. Voto 6/10 Scritto così così e dalla trama non particolarmente avvincente, è la storia semiautobiografica di un figlio di giostrai dall'infanzia alla tarda adolescenza. Per quanto non sia un capolavoro, nell'insieme non sarebbe manco male come romanzo. Che la vita tra le giostre non sia sempre un carillon era prevedibile, e l'ambientazione... Continue Reading →

Invito a nozze, di Carson McCullers

Innamorarsi di un matrimonio. Voto 7/10 Una ragazzina bighellona in giro subito prima del matrimonio del fratello, fantasticando su una fuga e rischiando di mettersi nei guai. Non succede granché come trama, ma i personaggi sono gagliardi: l'ambientazione negli anni '40 nel sud degli Stati Uniti, la protagonista maschiaccio, la domestica emancipata e il ragazzino monello... Continue Reading →

Mi chiamavano piccolo fallimento, di Gary Shteyngart

Autobiografia e autoironia. Voto 9/10 Umorismo ebraico-americo-sovietico in un divertentissimo romanzo di formazione di un ragazzino emigrato dall'URSS negli Stati Uniti degli anni '80. La storia personale dell'autore in un romanzo fortemente ironico e corredato di foto che introducono ogni capitolo, perfettamente apprezzabile anche non avendo (ancora) letto nessun romanzo di Shteyngart. Sito ufficiale Sito ufficiale... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: