Così allegre senza nessun motivo, di Rossana Campo

Climaterio, consapevolezza e sbevazzate. Voto 8/10 Le ragazzone di un gruppo di lettura e i loro problemi relativi alla vita di tutti i giorni che si mischiano con la grande letteratura femminista e la concezione che la società ha delle donne. In pratica la versione più adulta e matura di Mai sentita così bene, anche... Continue Reading →

Mio fratello, di Daniel Pennac

Pennac interpreta Melville in memoria del fratello. Voto 7,5/10 La storia di Bernard Pennacchioni, fratello dell'autore, raccontata in parallelo alla lettura a teatro di Bartleby lo scrivano. Un'occasione per apprezzare di nuovo il classico di Herman Melville in un memoir che è un elogio della pacatezza: sia Bernard che Bartleby non aggravano l'entropia. Sito ufficiale

Less, di Andrew Sean Greer

Piacevolissimo. Voto 10/10 Uno scrittore parte per un giro intorno al mondo per evitare il matrimonio del suo ex e il proprio temuto cinquantesimo compleanno. Da San Francisco al Giappone, passando per l'Europa e il Marocco, Arthur Less peregrina per mesi tra festival letterari, corsi di scrittura, festeggiamenti nel deserto e ritiri spirituali per finire... Continue Reading →

La schiuma dei giorni, di Boris Vian

Surreale e delicato. Voto 10/10 Una storia d'amore dall'epilogo triste raccontata con ironia ed eleganza, con invenzioni brillanti come il pianocktail, il pianoforte che abbina i cocktail al gusto della musica, e le continue parodie di Sartre. L'ambientazione parigina e l'atmosfera onirica ricordano Queneau, che peraltro lo aiutò a pubblicare il romanzo nel 1947. In... Continue Reading →

L’armata dei sonnambuli, dei Wu Ming

Vive la révolution! Voto 10/10 Avete mai immaginato come dovesse essere vivere i grandi eventi storici come la Rivoluzione Francese? Ecco, ci pensa il collettivo Wu Ming a farci partecipare: e forse sarà meno esaltante di quanto pensiamo. Occhio, non è un noioso saggio ma un romanzo storico ambientato ai tempi del Terrore, con una... Continue Reading →

Il caso Malaussène, di Daniel Pennac

Cult confermato. Voto 10/10 Dopo 30 anni, Pennac e la famiglia Malaussène continuano a essere una garanzia: questa volta i personaggi sono cresciuti o invecchiati bene, mantenendo la qualità dei primi romanzi. Come i precedenti: un noir leggibilissimo, divertente, avvincente, ironico. In periodo revival anni '90, tra Twin Peaks, X-Files e gruppi grunge, ci rientra in pieno... Continue Reading →

Espiazione, di Ian McEwan

I cocci rotti anche se incollati reggono meno. Voto 9/10 Nella campagna inglese degli anni '30 una serata come tante si rivelerà invece determinante per il futuro di molti dei partecipanti. La prima metà, ambientata in un'unica giornata secondo il punto di vista dei diversi personaggi, ricorda vagamente Jonathan Coe nell'intreccio di eventi casuali dalle ripercussioni importanti:... Continue Reading →

Aspettando Bojangles, di Olivier Bourdeaut

Malinconico e poetico. Voto 9/10 Una donna che ogni giorno cambia nome, un marito innamorato e la loro storia vista attraverso lo sguardo del figlio. Filo conduttore è la spumeggiante stravaganza della madre che si mantiene su una sottile linea di equilibrio tra gaia leggerezza e squilibrio patologico, con un tono di surreale ironia fino... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: