Il signore di buona famiglia, di Giuseppe Novello

Ancora attualissimo a quasi un secolo di distanza. Voto 10/10 Raffinata presa in giro della buona società, è una raccolta di vignette che, con umorismo sempre garbato ma feroce, ironizzano sugli usi e costumi della borghesia italiana dei primi del Novecento. Pubblicato nel 1934 e in seguito ristampato in varie edizioni, Il signore di buona... Continue Reading →

Annunci

Città sospesa, di Eduardo Mendoza

Un noir nella Madrid anni '30. Voto 8/10 Un esperto d'arte inglese alle prese con falangisti, comunisti e Diego Velázquez alle soglie della guerra civile spagnola. Una spy story anche complessa con continui tocchi di ironia: forse un romanzo un po' troppo lungo, ma molto sullo stile de La verità sul caso Savolta. Insomma, molto... Continue Reading →

L’incantesimo, di Emanuel Bergmann

Incantevole e spiritoso. Voto 10/10 Un bambino rintraccia un vecchio mentalista dalla storia avventurosa per imparare un incantesimo per riunire i suoi genitori: dalla trama sembrerebbe commovente ai limiti del patetico, e invece è molto divertente. Almeno finché non arriva il racconto del passato nei lager. Se vi è piaciuto Ogni cosa è illuminata, ritroverete... Continue Reading →

Isola, di Siri Ranva Hjelm Jacobsen

Contemplare la natura dei fiordi. Voto 7,5/10 La nipote danese ci racconta dei suoi nonni faroesi: la vita nelle isole Fær Øer negli anni '30 e '40 è ovviamente frizzante quanto ci si può aspettare dal contesto storico-geografico, e anche la narrazione tanto spumeggiante non è. Molte descrizioni naturalistiche, il paesaggio dei fiordi è senza... Continue Reading →

Una gru infreddolita. Storia di una geisha, di Kazuo Kamimura

Delicato e duro, poetico ma anche ironico sia nella trama che nei disegni. Voto 8,5/10 Una ragazzina povera viene venduta per un sacco di riso e fa una vita sfigatissima come apprendista geisha nel Giappone alla vigilia della II guerra mondiale: però poi fa carriera. Romanzo storico e di formazione in forma grafica ben distante... Continue Reading →

L’intuizionista, di Colson Whitehead 

Ascensori, noir e razzismo. Voto 7/10 In una location non ben specificata (indubbiamente New York, epoca indefinibile ma vagamente in stile anni '30) un'ispettrice degli ascensori rimane coinvolta in una losca faccenda di corruzione e spionaggio. Indubbiamente scritto bene, non essendo facile superare le 300 pagine raccontando di ascensori: tuttavia, per quanto sia molto più interessante di quanto ci... Continue Reading →

Espiazione, di Ian McEwan

I cocci rotti anche se incollati reggono meno. Voto 9/10 Nella campagna inglese degli anni '30 una serata come tante si rivelerà invece determinante per il futuro di molti dei partecipanti. La prima metà, ambientata in un'unica giornata secondo il punto di vista dei diversi personaggi, ricorda vagamente Jonathan Coe nell'intreccio di eventi casuali dalle ripercussioni importanti:... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: