Chiamami col tuo nome, di André Aciman

Molto introspettivo. Voto 7,5/10 Dawson's Creek nella costiera ligure. Un ragazzino ha una forte cotta estiva per un ragazzo di poco più grande, ospite nella super villa dei genitori intellettuali. Fino a metà romanzo non succede granché, a parte le infinite elucubrazioni del protagonista, poi la trama si movimenta un po'. Ambientato negli anni '80,... Continue Reading →

Harry Potter in mostra a Milano

Harry Potter the Exhibition: in mostra a Milano alla Fabbrica del Vapore dal 12 maggio al 9 settembre 2018. In questa mostra di 1.600 metri quadri i visitatori hanno la possibilità di ammirare il materiale ispirato ai set dei film di Harry Potter e vedere la magnifica abilità artigianale dietro i costumi autentici, gli oggetti... Continue Reading →

Clown girl, di Monica Drake

Feticismo e fobie per i clown. Voto 7,5/10 Evitiamo associazioni con romanzi a tema: quello dei pagliacci nella letteratura è un elenco lunghissimo, che siano tristi, tragici o malvagi. Stavolta più che altro è una ragazza sfigata nello squallore della periferia americana, che alla fine dà anche un po' i nervi per quanto è sciocca.... Continue Reading →

Italian Book Challenge 2018

Italian Book Challenge 2018: dal 1° marzo riparte la sfida tra forti lettori proposta da case editrici e librerie indipendenti. Si tratta della terza edizione di una gara di lettura le cui regole, approssimativamente, sono: si acquista in librerie aderenti all'iniziativa una serie molto varia di libri da leggere durante l'anno, su cui verrà poi compilata... Continue Reading →

Distorted Fables, di Deborah Simeone

Chick lit di una banalità sconcertante. Voto 4/10 Molto, molto più scialbo di quello che prometteva di essere dalla copertina: pretende di essere una favola moderna che diventa un'allegra opera corale, e invece rimane un romanzetto di cui da subito si intuisce il finale, con personaggi stereotipati e scrittura tanto forzata e impostata da sembrare... Continue Reading →

Guerra e trementina, di Stefan Hertmans

Bello ma fiacco. Voto 7/10 La vita nelle Fiandre ai tempi degli zoccoli di legno: il nonno dell'autore dall'infanzia difficile alla guerra di trincea, con l'hobby della pittura ereditato da suo padre. Materiale per un bel libro ce n'è, ma la trama interessante è resa in maniera noiosa e molto ripetitiva, il protagonista non suscita... Continue Reading →

Il libro di tutte le cose, di Guus Kuijer

Infanzia triste e irriverente. Voto 8/10 Nell'Olanda degli anni '50, un ragazzino vessato dal padre violento fa amicizia con la gagliarda vicina di casa: come la cultura può aiutare a emanciparsi dal fanatismo religioso. Simile a Seppellitemi dietro il battiscopa, una storia drammatica trattata con humor nero e leggerezza: lo spacciano per un libro per... Continue Reading →

Jerusalem, di Alan Moore

Più che un tuffo, una lunga nuotata nella Storia britannica. Voto 9/10 Molto, molto british, con capitoli estremamente differenti per stile e ambientazione temporale: un polpettone di storie intrecciate alla Neil Gaiman e David Mitchell, riferimenti teologici un po' fantasy, critica sociale e un minimo di umorismo. Indubbiamente una lettura impegnativa già solo per la... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: