Il popolo dell’autunno, di Ray Bradbury

Il circo degli orrori. Voto 7,5/10

Anni dopo L’uomo illustrato, i cui tatuaggi si animano raccontando storie, Bradbury ripropone il personaggio come proprietario del circo magico che arriva in una cittadina: due intrepidi ragazzini indagano sui suoi misteri cercando di sconfiggere il male pur essendone in parte tentati.

Metafore a gogò, ma può anche rimanere una lettura più leggera e superficiale. Ormai un classico della letteratura, il cui titolo originale, Something wicked this way comes, è decisamente meglio: e grazie, è una frase di Shakespeare.

Decisamente più soprannaturale di Freaks (capolavoro del 1932 diretto da Tod Browning e basato sul racconto di Clarence Robbins), è stato poi fonte di ispirazione di infinite opere letterarie e cinematografiche, praticamente tutte quelle con un luna park pauroso, e ne è stato tratto il film Qualcosa di sinistro sta per accadere, uno dei pochissimi horror della Disney e sceneggiato dallo stesso Ray Bradbury.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: